Crea sito

Salmone confit ai fiori con Riso al tè nero e arancia e maionese allo zenzero – I Menù del SorRISO

Come un “sentiero” da percorrere insieme...

Un Piatto Unico bilanciato, completo, perfetto per una cena intima.  Perfetto per essere condiviso.

Lui è il mio Salmone confit ai fiori con Riso al tè nero e arancia e maionese allo zenzero. Leggero e goloso, bellissimo da vedere quanto buono da gustare. Super digeribile, per non appesantire, garantendo comunque un’appagante senso di sazietà. Un “colpo di fulmine” pieno di promesse, per un interessante dopocena…

Tanti profumi e sapori per un aromatico Riso nero cotto in un infuso di tè nero all’arancia, dall’aroma intenso e super profumato.
Servito come insalata tiepida insieme a piccoli bocconcini di salmone. Morbidi e succosi, cotti con un mix di fiori essiccati, dalle infinite sfumature di sapori ed aromi, a bassa temperatura, in olio cottura. E poi il croccante della pelle, asciugata in forno, i verdissimi fagioli di soia edamame, i piccoli ciuffi di maionese vegetale, preparata con latte di soia, dal fresco e pungente aroma di zenzero. Ed infine i fiori freschi ed i semi di sesamo nero, leggermente tostati per sprigionare tutta la loro fragranza.
Ogni elemento da mixare e combinare insieme, per sperimentare abbinamenti diversi di sapori e consistenze.

Una ricetta gustosa e fresca.
Da servire in un grande piatto dalla forma allungata, al centro del tavolo. La disposizione di ogni singolo elemento è pensata per disegnare una figura ordinata e simmetrica. Una sorta di “percorso” da iniziare contemporaneamente in due, partendo ognuno da una delle sue estremità, fino ad incontrarsi in mezzo, a metà strada.
Ideale per essere cucinata ed assemblata a quattro mani. Personalizzata liberando la creatività ed il proprio personalissimo gusto.

La scelta degli ingredienti che la compongono richiama un’atmosfera vagamente esotica.

Il Riso

Elemento protagonista del piatto è il Riso. Per questo Salmone confit con Riso al tè nero e arancia e maionese allo zenzero ho scelto i nerissimi chicchi del Riso Integrale Aromatico, Originario “Il Moro” Acqua e Sole.

Privo di glutine. Altamente digeribile e ricco di proteine, vitamine, fibre ed antiossidanti. Profumato e molto versatile. Dal sapore intenso e corposo.
I chicchi, color ebano, sono di forma arrotondata. La sua particolare colorazione è dovuta alla presenza di molecole polifenoliche ed antociani, dal potere antiossidante ed antitumorale.

Un riso particolare, con un aroma di pane appena sfornato.

E’ un cereale integrale caratterizzato da una grossa presenza di amido e fibra alimentare e dalla scarsità di acidi grassi e proteine. E’ invece un’eccellente fonte di vitamine B e B1.

E’ estremamente versatile nell’impiego in cucina.


Diversi sono i tipi di cottura a cui può essere sottoposto. Dalla padella alla pentola, dalla pentola a pressione alla cottura pilaf. Trattandosi di un riso integrale, il tempo di cottura è decisamente superiore rispetto agli altri tipi di riso. Ha una maggior resistenza alla cottura, la capacità di mantecazione è quasi assente ed è molto tenace ed elastico alla masticazione.

Queste qualità lo rendono un ottimo sostitutivo del pane, per accompagnare carne, pesce e contorni. E grazie al suo sapore lievemente aromatico è da provare nella preparazione di dolci e prodotti da forno.

Il tè

Per la cottura del mio riso nero ho scelto un infuso di tè nero ed arancia, dal gusto forte e dal profumo intenso, che riempirà l’aria di un aroma irresistibile e duraturo.

La preziosa “miscela” che ho utilizzato è composta da tè nero biologico Darjeeling, scorze d’arancia e spezie (zenzero, cannella, cardamomo, chiodi di garofano, noce moscata e pepe nero). Viene prodotto in India e si ottiene unicamente da coltivazioni biologiche, con il solo uso di concimi organici. Un tè particolarmente forte, un sapore persistente che ben spicca nel piatto.

Prima della lunga cottura ho lasciato il riso in ammollo nell’infuso di tè ed arancia per circa 1 ora. In questo modo i chicchi verranno idratati ed intrisi di un aroma incredibilmente profumato.

Il salmone

Il salmone fresco, con le sue carni gustose e succulente, è un pesce molto salutare. E’ ricco di omega 3 e grassi polinsaturi, che possono essere considerati dei veri e propri alleati per la nostra salute.
Riducono il colesterolo cattivo ed aumentano quello buono. Incidono positivamente sul rallentamento dell’invecchiamento. Prevengono i tumori ed aiutano a combattere l’osteoporosi.
Grande è l’apporto di vitamina D, fondamentale per favorire l’assorbimento del calcio e la mineralizzazione dello scheletro.

Dal punto di vista nutrizionale, contiene proteine e minerali molto utili per l’organismo, come ad esempio ferro, sodio, calcio, fosforo e potassio.

Per questo piatto fresco e leggero di Salmone confit con Riso al tè nero e arancia e maionese allo zenzero, dalle molteplici sfumature di colore e sapore, vi propongo il salmone in due varianti di cottura.

Per la polpa ho scelto una cottura delicata ed aromatica a bassa temperatura. Un bagno “tiepido” di olio Extravergine di oliva aromatizzato con fiori dai mille sapori. L’oliocottura, che garantisce il mantenimento di tutte le qualità organolettiche del pesce, la succosità e morbidezza delle sue carni ed il colore brillante e rosato, senza ossidazione.

In tema di sicurezza alimentare è bene sapere che il pesce va cotto per almeno un minuto a 60 gradi oppure va abbattuto, cioè va congelato ad una temperatura non superiore a -20 gradi per almeno 24 ore nei ristoranti (che hanno in dotazione degli appositi strumenti per abbattere in tempi più rapidi) e per almeno 96 ore nel freezer di casa.
Queste procedure sono efficaci per distruggere ogni presenza di parassiti, in particolare l’anisakis, pericolosissimo per l’uomo.
E’ fondamentale quindi congelare il nostro salmone fresco per il tempo necessario a salvaguardare la nostra sicurezza.

Per la pelle tolta dai tranci di filetto ho scelto una cottura diversa. Presenza “croccante” e saporita del piatto, viene asciugata in forno fino a diventare deliziosamente sgranocchiosa.

I Fiori

L’uso dei fiori commestibili in questa ricetta non è solo un modo per garantire colori ed allegria al piatto.
La loro funzione è quella di portare equilibrio tra i vari elementi.

Per il mio Salmone confit ai fiori con Riso al tè nero e arancia e maionese allo zenzero ho scelto un mix dai diversi sapori, forme e colori, a base di:

  • Malva: delicati fiori viola dalle proprietà antiossidanti, gastroprotettive, antinfiammatorie ed emollienti
  • Rosa: profumatissima e dal delicato sapore dolciastro. Ricchissima di vitamine ed acidi grassi in grado di favorire il processo di rinnovamento cellulare. E’ un vero toccasana come antirughe ed anti-età
  • Fiordaliso: di un intenso colore blu oceano, parente dei carciofi, ne ricorda incredibilmente il sapore. In cucina può essere impiegato in frittate, contorni e ripieni. In fitoterapia per colliri ed infusi. Può essere un valido rimedio per trattare le infezioni degli occhi, la bronchite e la dissenteria
  • Calendula: intense sfumature giallo-arancio per i suoi fiori. Profumi delicati, leggermente pungenti e balsamici. Un gusto piccante, amarognolo e leggermente sapido. Le proprietà della calendula includono quelle antinfiammatorie, antisettiche e cicatrizzanti. In erboristeria, i fiori sono utilizzati anche per la preparazione di tisane
  • Monarda: i fiori possono avere vari colori, come un brillante viola, rosa o anche un colore grigiastro. Il gusto richiama una strana combinazione di sapori, come menta piperita ed origano. Viene impiegata in omeopatia, per aromatizzare bevande rinfrescanti, per abbassare la febbre, come digestivo e, grazie al suo colore vivo, per conferire una nota colorata alle tisane. Dai fiori si può ricavare anche uno sciroppo dissetante squisito, particolarmente gradito ai bambini
  • Menta: fiori color lilla, dall’intenso sapore di menta. Proprietà digestive e tonificanti. Ha un alto contenuto aromatico ed è particolarmente indicata per la preparazione di infusi
  • Citronella: i fiori sono dolci e molto profumati, dall’aroma intenso e dal profumo delicato di limone. Da utilizzare con parsimonia per evitare che gli altri sapori presenti nel piatto ne vengano coperti. Con la radice, dal colore bianco-giallastro, si profumano carni, pesci, zuppe, salse e verdure. Con le foglie si preparano profumati infusi digestivi

Se volete utilizzare i fiori in cucina seguite questi consigli:

  • sia che si tratti di fiori freschi che secchi, si mangiano solo quelli garantiti come “commestibili” (meglio non affidarsi ad un incauto fai da te)
  • non mangiate i fiori acquistati dal fioraio, trattati con agenti chimici e pesticidi. Per lo stesso motivo non utilizzate fiori colti per strada o nei giardini pubblici
  • da prediligere senza ombra di dubbio i fiori coltivati di persona o quelli acquistati per specificato utilizzo alimentare (on line, in Erboristeria o presso il reparto Ortofrutta dei più forniti Ipermercati)
  • mangiate solo i petali. Rimuovete pistilli e i gambi e, se soffrite di allergie, utilizzateli con moderazione

Il condimento

Una freschissima maionese completamente vegetale, preparata con latte di soia, olio di semi e limone ed aromatizzata con una pungente quanto freschissima radice di zenzero, grattugiato e spremuto per regalare alla crema tutto il suo sapore.
Perfetta per chi è alla ricerca di sapori più leggeri, liberi dal glutine, e per chi ha problemi di intolleranza alle uova.

Priva di conservanti. Solo ingredienti naturali, perfetti per una sana alimentazione. Velocissima da realizzare, si fa in un istante e, senza possibilità di sbagliare, ottenendo una consistenza insuperabile. Non ci sono accortezze da seguire.

La soia Edamame

Completano il piatto i fagioli di soia edamame, appena scottati e serviti in purezza, al naturale. Dal sapore delicato, fresco, con sentori di mandorla.

La soia Edamame è particolarmente ricca di vitamina C, E, magnesio, potassio e fosforo, proteine e folati necessari alla produzione di globuli rossi e per lo sviluppo del feto in gravidanza. Aminoacidi, fibre di buona qualità e soprattutto lipidi insaturi nonché ferro, spesso carente nella nostra alimentazione.

Questo Piatto Unico creativo, colorato, ricco di sapori e consistenze fa parte del Menù Due cuori e una cucina: tanto amore…poca spesa, sesto appuntamento della Rubrica I Menù del SorRISO per Riso Acqua e Sole.

Assaporatelo insieme alle altre portate che ho pensato per voi per un pasto creativo, romantico e “risparmioso”, ideale per chi vuole conquistare prendendo per la gola…un menù di RISO.

Monicucci

Valutazione ricetta

  • (5 /5)
  • (1 Valutazioni)

, ,

Condividi

Monicucci ti suggerisce anche...

  • Rendimento : 6-8 budini
  • Porzioni : 6-8 persone
  • Tempo di cottura : 70 Min
  • Rendimento : One Pot
  • Porzioni : 6 persone
  • Tempo di cottura : 60 Min
  • Rendimento : 1 torta salata (per una teglia rotonda di 24 cm di diametro)
  • Porzioni : 6-8 persone
  • Tempo di cottura : 30 Min